Cosa accomuna la maggior parte delle aziende fallite nel 2016? - News 24 News

Cosa accomuna la maggior parte delle aziende fallite nel 2016?

Stare al passo con i tempi: mai questa frase è state importante quanto lo è oggi! Nell’era di Internet tutto è diventato più veloce, dinamico, interattivo. Non devono averlo capito quei professionisti che, vuoi per risparmiare qualche soldo, vuoi perchè legati ad inutili tradizioni e protocolli, hanno miseramente fallito di fronte a concorrenti più svegli e lungimiranti che hanno capito che la chiave del successo corre sulla grande rete.

E’ appurato che le piccole imprese e i professionisti che hanno definitivamente tirato la giù la serranda nel 2016, nella maggior parte dei casi avevano rifiutato di essere presenti in rete con un sito o lo erano in modo non adeguato.

Le motivazione che hanno spinto queste aziende a rinunciare alla visibilità online sono sempre due:

  1. Mancanza di una cultura digitale che permette di comprendere quanto Internet sia fondamentale nella vita di un’impresa.
  2. I costi eccessivi legati alla realizzazione di un sito Internet di qualità avvalendosi di un professionista

Il sito c’è, ma non si vede

In molti hanno invece commesso un altro errore: hanno realizzato un sito, senza poi aggiornarlo per l’uso da smartphone. Basta che il sito sia stato sviluppato non prima di tre anni fa e probabilmente non sarà navigabile da mobile o comunque la fruizione dei suoi contenuti risulterà talmente difficoltosa che i visitatori (potenziali clienti) rinunceranno, preferendo cercare altrove ciò che gli occorre.

Se ti serve qualcosa, anche tu afferri lo smartphone per effettuare una ricerca su Google! Spiegaci allora perchè non dovrebbero farlo anche i tuoi clienti!

Quando cercano ciò che hai da offrire, devi farti trovare con un sito che si visualizzi correttamente anche da smartphone. Altrimenti: addio cliente!

responsive

Come avere un sito perfetto ad un prezzo accessibile?

La risposta a questa domanda l’ha data Wix, nata con l’obiettivo quello di dare la possibilità ad ogni imprenditore di crearsi da se un sito professionale, senza la necessità di conoscere nulla di computer, programmazione ed altre diavolerie. La cosa deve essere riuscita bene visto che l’azienda conta quasi 100 milioni di clienti.

Per capire meglio cosa si nasconda dietro il successo di Wix abbiamo fatto iscrivere un amico senza nozioni informatiche e lo abbiamo seguito mentre realizzava il suo primo sito, rendendoci presto conto dell’estrema facilità d’uso della piattaforma e di come il suo sito fosse online già dopo due ore.

esempio sito wix

Esempio di sito creato con Wix

Wix mette a disposizione un servizio gratuito adatto ad uso personale con diverse limitazioni, ma la sua vera forza è il pacchetto premium denominato “Unlimited” che, con poco più di 12 euro al mese comprende il sito, il dominio, lo spazio per ospitarlo, risorse illimitate e un’assistenza veloce e cordiale: tutto ciò che serve ad una piccola impresa. Come se non bastasse vengono regalati ai professionisti 75 dollari (circa 73 euro) di pubblicità su Google per farsi conoscere e trovare nuovi clienti.

Un servizio completo, professionale e senza pensieri che costa 40 centesimi al giorno! Una spesa che ogni imprenditore è in grado di sostenere, anche il più piccolo: ecco il segreto del successo di Wix.

Se stai pensando di chiudere la tua attività, allora contestualmente chiudi anche questo articolo, ma se pensi che la tua vita e il tuo lavoro valgano più di 40 centesimi al giorno, non hai ancora un sito o ne possiedi uno realizzato ai tempi delle crociate, passa subito all’azione.

Clicca qui per iniziare a creare il tuo nuovo sito con Wix


 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*